Quella tegola abusiva…

   Autrice del saggio Francesco Mastriani: un escluso e lettrice di una rosa di romanzi ( La cieca di Sorrento, Il mio cadavere, I Vermi, Le Ombre, I Misteri di Napoli, Il bettoliere  di  Borgo  LoretoLa Medea di Porta Medina), racimolati tra bancarelle e librerie antiche, e dei primi quattro inediti (La Malavita, La Jena delle Fontanelle, Carmela, La spigaiola del Pendino), rinvenuti dagli eredi Emilio e  Rosario, rimango, purtroppo, saldamente  legata al concetto che  poco, addirittura  quasi niente si è fatto, malgrado l’interesse spontaneo e partecipativo degli estimatori, per la  rivalutazione dell’uomo e dello scrittore Mastriani. Chi colpevolizzare? L’estrema malignità della fortuna? la fatalità storica? l’incapacità di rendere fattibile ciò che la memoria abrade? che il tempo usura? che la mano dell’uomo danneggia? o per essere pragmatica e concreta il menefreghismo? la sottocultura o incultura?

     Il pensiero corre a una tegola abusiva che da anni, ad usare un eufemismo, adombra la lapide commemorativa di Francesco Mastriani in via Penninata San Gennaro dei Poveri.

   È vero che le Autorità competenti, cui i membri del  Comitato  Mastriani  si sono appellati  hanno garantito la loro adesione alla rimozione  della tegola incriminata, ma quello che  è slancio  passionale e afflato culturale si scontra, oggi più di ieri, con le lungaggini burocratiche e con  i  costituiti padri della burocrazia, troppo sonnolenti e accidiosi per rendere un grumo di giustizia a un romanziere mortificato da un oscurantismo, che lo ha escluso e continua ad escluderlo dal panorama letterario regionale e italiano, anche osteggiando e rimandando alle calende greche la semplice  rimozione di una tegola che al turista o visitatore occasionale toglie, persino, la  curiositas di leggerne il nome su una lapide commemorativa.

.

   Il sopraddetto articolo è stato scritto dalla dottoressa Anna Geltrude Pessina, già Docente nei Licei Psicopedagogici di Napoli.

 

Facebooktwittergoogle_pluspinterestlinkedintumblrmail

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.