A NENNA MIA

T’arricuorde de chella serata

Che co mme stive sola assettata

Zitto zitto me stive a pparlare,

E la mane me dive purzì [1].

Io ccà mpietto, senteva lo core

Martellarme qua [2]  masto ferrare;

Nenna, né, si non t’aggio a sposare,

Nfunno a ll’onne mme voglio jettà.

 

Me sonnaje ll’autra notte che mpietto

T’avea puosto no sciore addoruso;

E ppo mmocca no bello confietto

Te facea doce doce zucà.

E tu po’ co no bello squasillo [3] ,

Azzeccosa accossì mme diciste:

‒ No confietto cchiù ddoce de chiste,

N’autro sciore te voglio astipà [4] . ‒

 

Quanno nnanze te tengo presente,

Mme ne moro de morte gnagnolla [5] ;

Nenna, mpietto no fuoco me sente,

Che non pozzo coll’acqua stutà.

Me ne vaco sottile sottile;

Nfi [6] a lo sciato mme sento mancare;

Nenna, né, si non t’aggio a sposare,

Nfunno a ll’onne me voglio jettà.

 

Tu sì bella cchiù assaje de lo sole.

De le rrose tu sì la regina;

La cchiù bella de cheste figliole

De sto vico te puoje avantà!

Ah, mannaggia la sciorta frabbotta [7],

Che no terno non pozzo pigliaro!..

Nenna, né, si non t’aggio a sposare,

Nfunno a ll’onne mme voglio jettà! [8]

.

[1] Altresì, anche pure.

[2] Quale.

[3] Carezza, vezzo, moina

[4] Conservare

[5] Morte lenta per consunzione.

[6] Abbreviazione di nfino.

[7] Farabutta.

[8]  Fu pubblicata sul giornale «La Spassatiempo» il 18 aprile 1875.