DIZIONARIO DESUETI LETTERE IJK

317 vocaboli

iacovella. s.f. • Sotterfugio, malizia [N1-65(112)]: Mamma è in collera con te, e m’incarica di dirti che con me non ci è da fare iacovelle.

iattanza. s.f. • Ostentato vanto di sè [Z-22(295)] ammobbigliata con raro gusto e senza quella iattanza di lusso 

iattura s.f. • Disgrazia, rovina  [Z-92(264 – Guida.231)] si volle fare un pietoso mistero di tanta iattura al nobile signore.

icogliano. s.m. • Dignitario turco [TM-1(152)] capo degli eunuchi bianchi, e degl’icogliani, che sono i più be’ giovani e di miglior ingegno, educati nel Serraglio,

iconoclasta. s.m. ● Distruttore di immagini sacri [Z-26(508.I)] e novelli iconoclasti demmo la caccia alle immagini.

idiosincrasia. s.f. • Intolleranza [Z-98(73)] il vecchio Attanasio, conosceva, per servirci di una voce scientifica, la speciale idiosincrasia di quella famiglia,

idillio. s.m. ● Componimento poetico [Z-26(606.II)] Fosse uscito a viva luce questo leggiadrissimo idillio, 

idolatria. s.f. • Ammirazione spinta all’eccesso [Z-26(680.I)] l’alito pestifero della idolatria del denaro non giunse ad attossicare. 

idra. s.f. • Calamità, degenerazione [Z-15(10.IV)] Guai al prigioniero che non avesse denaro abbastanza da gittare nelle fauci di questa idra!

idrofobo. s.f. ● Furioso, rabbioso [Z-93(148)] Il gobbetto era divenuto idrofobo.

idropatico. s.m. ● Idroterapico, cura di bagni [P-9(74.III)] e gli avrieno fatto assaporare qualche bagno idropatico…

idropisia s.f. ● Raccolta patologica di liquido nella cute [Z-27(38.II)] I medici di Corte avevano giudicato idropisia una gravidanza della regina Carolina,

iemale agg. • Invernale [Z-102(137)] Era lo scorcio della stagione iemale e i giorni erano corti ancora;

igneo s.m. • Impetuoso [Z-81(32 – Guida.34)] Avete fretta?dimandò la donna, stringendo sempre più la mano del giovinotto, e conficcandogli in fronte quei suoi ignei scarafoni.

ignivomo agg. • Che vomita fuoco [Z-86(100 – Guida.89)] Da un terrazzo che era in quel casino e guardava l’ignivomo monte,

ignocca. s.f. ● Gnocca, sciocca [Z-9(113.III)] alludendo alla sua persona grascia ed alla sua faccia ignocca e beata.

ignominia. s.f. ● Disonore, disprezzo [Z-29(93.I)] per sottrarre sé e le sue compagne alla ignominia di vedersi gittate al ludibrio del turco, 

iliade. s.f. ● Lunga serie di guai, vicissitudini [Z-21(354)] Era forza che si compisse l’iliade de’suoi dolori;

illaqueare. verb. • Raggirare [Z-101(131)] con leggi che non tendano ad illaqueare le moltitudini laboriose ne’circoli del privilegio concedendo tutto a’ricchi e niente a’poveri.

illazione. s.f. ● Supposizione, deduzione [Z-66(74 – Guida.66)] La illazione era terribile, ed esplicita la forma ond’era stata espressa.

illo tempore.  ● In quel tempo  [TS-92(1 – Guida.5)] Una volta in illo tempore si cenava.

illuvie. s.f • Sudiciume [Z-47(74.III)] E chi può scavare negli abissi di un’anima piombata nelle illuvie di ogni vizio e d’ogni degradazione?

illuvione. s.m. • Inondazione [Z-46(18.III)] non fu già tuo padre o tua madre che ti gittò a perire nelle acque della illuvione delle Fattucchiere;

ilota. s.m. • Schiavo [Z-70(69 ‒ Guida.64)] ma a poco a poco la mia mente, che non era quella di un ilota, comprese questi misteri d’iniquità, di cui dovrebbe vergognare la presente civiltà.

ima. s.f • Nella parte più bassa [GO-93(10)] la vita può essere ancora latente nelle ime latebre degli organi, 

imbandigione. s.f. ● Complesso di vivande propinate [Z-3(25.II)] Una sontuosa imbandigione era apparecchiata in una stanza dipinta a freschi fiori.

imbarrare. verb. • Sbarrare [P-26(5.I)] Ciò forse era dipeso che quel portoncino non era stato mai imbarrato né di giorno né di notte.

imbeccare. verb. ● Ammaestrare qualcuno a dire cose [F-66(259 – Guida.216.)]: Mi volete forse dare ad imbeccare che vi occupate a dire il rosario?

imbeccata. s.f. ● Nutrimento per volatili che non lo possono far da soli [Z-36(43.I)] e ciascheduno vi strappava l’imbeccata a furia di bezzicature

imbecherare. verb • Raggirare con lusinghe [Z-9(117.II)] Fa d’uopo di presente ch’io lo imbecheri a modo mio questo baciliere del diavolo!

imbelle. agg. • Fiacco, pavido [Z-43(19)] Regnava in Roma e su gran parte del mondo il quarto de’Cesari, Claudio l’imbelle.

imbroccala verb. • Indovinala, azzeccala [Z-93(158)] A che pensava la sposa novella? Imboccala!

imbrodolare verb. ● Macchiarsi, sporcarsi [Z-93)] si serviva delle proprie mani per disossare il pollo e tutta s’imbrodolava la meschina; 

imbrogli s.m. ● Famigliari [TC o NdL-81(133 – Guida.120)] da quando ho potuto raccapezzare dalla sua rossa, il Titò non ha imbrogli.

imene s.m. • Dio dei matrimoni [Z-88(191)] È proprio questo il tempo di dare ascolto a simili assurdi presentimenti quando si è alle porte del tempio d’Imene?

imeneo s.m. • Nozze, matrimonio [Z-39(20.II)] non saria men vero che l’Homuncolo è frutto della scienza e non del legittimo imeneo.

immaginativa. s.f. ● Fantasia, inventiva  [Z-21(202)] Ma il differito piacere non faceva che sempre più accendere la erotica immaginativa del signor Giambattista, 

immane. agg. • Terribile, spaventoso, enorme. [Z-29(87.III)+ esercitò su i ribelli le più immani crudeltà. 

immanità. s.f. ● Crudeltà, ferocia [Z26(623.I)] Non diremo delle immanità che costoro commettevano contro i loro fittaiuoli inadempienti. 

immantinente. avv. ● Subito, senza indugio [Z-3(12.I)]la sala sarebbe rimasta vuota immantinente,

immarcescibile. agg. • Imperitura [Z-83(447)] toglierti dalle iniquità e dalle miserie di questo mondo e concederti la immarcescibile corona dei martiri del proprio dovere,

immediazione. s.f. ● Dipendenza [AC-100(6 – Guida.9)] il quale era in quel tempo alla immediazione dell’ispettore Francesco Poggiali,

immegliamento. s.m. • Miglioramento [Z-85(228)] Noi chiediamo, domandiamo, reclamiamo immegliamenti.

immondezza. s.f. ● Immondizia [Z-15(8.IV)] La miseria si nasconde nelle grandi città come l’immondezza si nasconde nelle case;

immoscadavasi. verb. • Si profumava [P-26(469.I)] La domenica e i dì festivi il brigante zerbinotto immoscadavasi e inzimbettavasi 

imo. Profondo [Z-26(172.II)] manda ancora scellerati miasmi dall’imo della natura umana. 

impagabile. agg. ● Straordinaria, impareggiabile [Z-66(163 – Guida.138)] e sapesti si o no approfittare di questa impagabile occasione?

impagliatrice. s.f. ● Chi ricopre o riveste oggetti con paglia [AC-21(173)] Per me ti consiglierei di riprendere il tuo mestiero di impagliatrice. 

impaniare. verb. • Invischiare [Z-3(41.I)] senza rimanere impaniato del vischio de’vizii brillanti e delle inorpellate corruzioni del gran mondo:

impannata. s.f. • Infisso con vetro o panno o tela [Z-21(123)] Altri più curiosi e arditi, correndo la mite stagione, aprivano una impannata delle loro finestruola,

impastocchiare. verb. Raggirare [Z-27(13.I)] Ora non ho più bisogno di lui, né mi lascio impastocchiare.

impastoiare. verb. • Impedire i movimenti [Z-83(45)] e poi a ripulirsi, a ripettinarsi, ad infarinarsi, ad impastoirasi, a stringersi la vita fino alla mancanza di respiro,

impegnatori. s.m. ● Usurai [AC-9(70.IV)] e fermarono di appigliarsi alla nobile industria d’impegnatori.

impegolare verb. • Spalmare di pece [Z-80(23)] Era un ministro di Dio che si recava ad apprestare i conforti della religione ai morienti, e che era stato pur rivestito della impegolata veste,

impenitente. agg. ● Incorreggibile, ostinato [Z-80(66)] Che qui stiano a seccarsi l’anima i fanciulli etici e scrofolosi e i vecchi impenitenti 

imperciocchè cong. ● In quanto [Z-2(59.I)] imperciocchè ti dava propriamente l’immagine di un demonio in camicia,

imperitura agg. ● Eterna, perenne [Z-26(586.II)] tre monumenti dell’imperitura gloria morirono tutti e tre su la paglia! 

imperio s.m. ● Impero, potere, comando [Z-26(297.II)] Fatto è che Sciasciariello esercitava un imperio non solo tra le lupe dov’eu sputava lunge, 

imperlata part. pass.  ● Cosparsa di gocce [Z-22(80)] La sua bianca fronte rasi imperlata di un sudore che mi parve di convulsiva natura. 

imperò cong. ● Perciò, però  [Z-21(60)] e tu fa che io muoia di febbre in due giorni pur ch’io mi abbia imperò spazio di penitenza. 

imperocchè cong. ● Poiché, giacchè [Z-3(18.I)] imperocchè nella storia naturale dell’uomo,

impertanto cong. ● Nonostante, pertanto [P-93(159)] alla quale impertanto il pigionale aveva apposto il nome di Caffè del Vesuvio

impetrare verb. • Ottenere con preghiere umili [P-38(22.I)] Rapito in un’estasi divina, Zaccaria non piangea, sì dentro impetrava;

impetrito  agg. • Reso immobile, inerte [Z-80(227)] Pallidissimo in viso con le lacrime impetrite negli occhi affossati.

impiallacciato agg. • Rivestito [Z-97(79)] Il garzone mise il vassoio su un tavolo impiallacciato di granatiglia, e andò via.

impiastrato s.m. ● Impiastro, persona seccante [P-13(106)] Andate a far comprendere a questo infelice impiastrato non aver lui né più né meno di due piedi,

impiastricciare verb. • Ungere [Z-81(186 – Guida.164)] ed in secondo luogo non voglio né impiastricciarmi col baciliere, che è mio amico, né con la polizia,

impicciolire verb. • Rimpicciolire, diventare più piccolo [Z-26(169.II)] Gli animi grandi s’ingrandiscono maggiormente; i piccini vie più s’impiccioliscono. 

impiccolire. verb. • Diventare piccolo[Z-18(39.I)] Noi facciamo tutto il possibile per ingrandirci moralmente e impiccolirci materialmente.

impièdi. avv. • Grafia unita della locuzione avverbiale «in piedi» [DO-86 e in quasi tutti i romanzi (196 – Guida.170)] Sediamoci su questi gradini. Non posso reggermi impiedi; e ho da dirti molte cose.

impiegomania. s.f. ● Smania di trovare un impiego [DO-La Domenica («Gl’impieghi in America. 21 Luglioo 1867»)] Mentre in Italia la pianta parassita dell’impiegomania ha posto così profonde radici, 

impietrire. verb. • Restare immobile, attonito, inerte  [Z-21(140)] Come rimanesse impietrita la povera Marcellina alla vista di quella cattiveria di fanciulle, 

impigliare. verb. • Coinvolgere[Z-81(235 – Guida.207)] E da qualche tempo che mi vado accorgendo che zia Sabatella si trovi impigliata in qualche pasticcio…

impiparsi. verb. • Infischiarsi, non curarsi [Z-26(356.I)] possa impunemente impiparsi i regolamenti e le ordinanze disciplinari. 

impippiare. verb. • Rimpinzare, riempire [Z-56(69] per lei non meno importante, d’impippiarsi ben bene con ogni maniera di sostanziose vivande,

imporrire. verb. • Marcire [Z-46(62.III)] e la vecchia poltrona di cuoio fu fatta entrare per forza in un angusto privato, dove, s’imporrivano i panni per l’umido che pioveva dalle pareti.

importabile. agg. • Insopportabile [Z-4(135.I)] ogni distrazione gli riesce pesante, amara importabile.

impossanza. s.f. ● Mancanza di potere [AC-3(32.II)] perocchè la medicina mostrava la sua impossanza

impostatore.  s.m. ● Giocatore di carte [TM-18(40.II)] lo chiamavano bensì l’impostatore dappoichè non v’era modo d’indurlo a ritentare la fortuna 

impostura. s.f. ● Menzogna, raggiro [ Z-La Domenica («Le lettere in Napoli» 21 Luglio 1867)] Il mondo si lascia governare dalla impostura; 

imprendere. verb. • Intraprendere, incominciare [Z-La Domenica («Cronaca della settimana. 11 Agosto 1867»)] un libro che imprende a rischiarare qualche punto di una scienza vastissima per quanto difficile,

impressionabilità.  s.f. • Emotività [Z-93(119)] Ciò dipende forse dalla eccessiva impressionabilità de’loro nervi. 

impreteribile agg. • Che non si può omettere o tralasciare [Z- La Domenica («Filosofia pratica. 6 ottobre 1867»)] è dovere impreteribile di ciascuno guardare  in faccia i propri affari, 

impronta agg. • Sfacciata [Z-21(155)]  Che mi vai tu ora contando impronta figlia di mala femmina! 

improntitudine. s.f. • Sfacciataggine [Z-25(179)] fino a cedere alle improntitudini del cav.don Giovanni Spinetti, le quali erano state dianzi da voi respinte con rara costanza.

improvvido. agg. • Incauto, poco accorto [Z-30(53.II)] Indarno il carrettiere gridava a squarciagola allo improvvido viandante 

impulizia. s.f. • Inciviltà [AC-22(24)] Checchè si fosse, sarebbe stata la più villana impulitizia di non condurmi a casa del marchese all’ora stabilita, dopo avergliene dato solenne promessa.

impurità. s.f. • Mancanza di purezza morale o spirituale [Z-15(14.IX)] Di tutti i peccati questo della impurità è forse quello che più gode la impunità sociale.

incadaverita. agg. • Diventata cadavere, putrefatta [Z-80(215)] la chiama la scuote ma la misera sembra incadaverita

incalappiare. verb. • Raggirare, abbindolare [Z-91(117)] onde si studiavano d’incalappiare i messeri. 

incamminossi. verb. • Si incamminò [TM-27(97.II)] egli incamminossi alla volta della casa di Mario Pagano. 

incancrenire. verb. • Diventare sempre più grave [Z-80(308)] mi dà chiaramente a divedere che tu hai l’animo incancrenito nel peccato; 

incannellare. verb. • Far entrare nel cannello (tubo ove si avvolge un filo)[P-28(53.I)]e massime quando si ponea una sua leggiadra zazzeretta bionda tutta incannellata co’ferruzzi dal parrucchiere.

incaponita. agg. • Ostinata [Z-26(239.I)] questa storia ti avrebbe afflitta ma tu ti sei incaponita a sentirla, 

incappato. agg. • Innamorato [P-81(96 – Guida.87)] perciocché nella mente di lei dové naturalmente essere surto il sospetto che costei fosse una incappata del giovine nipote.

incappato. agg. • Che indossa una cappa, mantello [DO-26(255.I] Ed ecco un bironcino a cui è ligato un superbo cavallo venendo da Giugliano cerca di scompigliare le file degl’incappati.

incarnatina. agg. • Rosa color rosso vivo [Z-29(40.II)] varie famigliole di rose incarnatine e cespuglietti di mortelle. 

incarnativo.  agg. •  Color roseo [Z-93(3)]  Que’labbri incarnativi e semiaperti sui quali più non passava l’alito della vita. 

incartocciare. (fig). verb. • Accartocciato, ripiegato [Z-26(268.II)] Era proprio fatto a bella posta! Si era scelto quel dì per incartocciare lo sposo! 

incavicchiato. agg. ● attaccato, unito con cavicchio [Z-1(59)] dappoichè sentivami stretto ed incavicchiato in ogni sorta.

incensare. verb. • adulare, lodare eccessivamente [Z-23(28.II)] nei votivi di fumo di che viene incensato il nuovo porco.

incensatore.  agg. ● Chi incensa, adula [Z-80(278)] E noi che non siamo mai stati incensatori delle umane grandezze, 

incenso. s.m. • Adulazione [Z-80(7)] Certi piccoli incensi non ispiacciono a nessuna umana creta.

incerato. s.m. • Cappello degli sbirri [TC o NdL-15(79.VIII)] Ohè! ohè! fatelo pagare! Lasciatelo stare! Raccogli l’incerato. Ohè! ohè! mamma santissima!

incesa. s.f. • Accesa, bruciata [Z-26(132.I)] Il sole d’agosto l’aveva incesa.

incesso. s.m. • Andatura [Z-83(121)] Aveva statura piuttosto altetta ed elegante; ed il suo incesso era così grazioso, così dolce e toccante la sua voce,

incettatore. s.m. • Accaparratore [Z-22(14)] E così siamo noi altri incettatori di novelli casi e avvenimenti.

inchiavare. verb. • Serrare, inchiodare [Z-30(12.II)] Il mago con tentone che la strega non era rimasta in casa sua pregò che s’inchiavasse bene l’uscio di scala. 

inchiavato. verb. • Serrato [Z-26(27.I)] annunziò che un altro condannabile veniva colà entro inchiavato. 

inchiavatala. s.m. •Serratala [Z-21(159)] e quivi inchiavatala trassero via senza più.

inchinevole. agg. ● Propenso, incline [Z-91(61)] La naturale bontà del suo cuore il faceva inchinevole al perdono.

inchinossi. verb. • Si inchinò [TM-28(27.I)] Il paggio nuovamente inchinassi e si partì. 

inchiodacristi. s.m. • Specie di frutice biancastro [P-65(10)] sotto un macchione di quel frutice che si chiama inchiodacristi per essere tutto pieno di spine,

inciampicato. verb. • Inciampato [Z-26(350.I)] era inciampicato in qualche cosa ch’era a terra, 

incingere. verb. • Diventar gravida [Z-22(156)] Dopo più di cinque anni dal nostro matrimonio Eufemia s’incinse novellamente.

incipiente. agg. ● Che sta iniziando [Z-26(276.I)] in cui viene paralizzata e spesso distrutta la vita incipiente; 

inclita. agg. ● Illustre, gloriosa [Z-66(12 – Guida.14)] gli sguardi del rispettabile pubblico e della inclita guarnigione.

incoare. verb. • Incominciare un processo [Z-91(207)] don Pomponio e la famiglia di colui contro il quale si era incoata la lite, 

incocciare. verb. • Ostinare [Z-15(61.VI)] che siasi ostinato a voler trovare la chiave del giuoco del lotto e siasi incocciato a dire non essere fola la scienza dei numeri,

incogliere. verb. • Accadere, capitare [Z-25(168)] che nessun sinistro lo incogliesse che fosse felice al fianco della mamma 

incolpazione. s.f. ● Attribuzione di colpa [Z-6(51)] la sola incolpazione, il solo sospetto gitta una macchia sulla mia riputazione,

incolta. verb. • Accaduta, capitata [Z-80(124)] Ci piace ricordare la mala ventura incolta ad un valente medico della città, 

incombenzato s.m.● Incaricato [Z-6(40)] questo compito di cui era stato incombenzato da un mal cipiglio

inconcusso agg. • Incrollabile [Z-80(46)] e riteniamo come domma inconcusso che il nascere in dorata culla o il nascere su l’umido e verminoso pagliericcio è il segreto di Dio.

incontanente avv. • Subito [Z-81(65 – Guida.62)] e la immagine di lui le si era scolpita incontanente nell’animo.

incontraronsi verb. • Si incontrarono [TM-26(107.II)] gli occhi della dama incontraronsi mille volte con quelli del giovine. 

incorare verb. • Incoraggiare, confortare [Z-80(118)] E lo incorarono a proseguire in questa via di utili riforme – Pag.87

incordellato s.m. • Legato [TM-30(9.II)] Visto a quel modo incordellato lo stregone, fra’Luigi respirò più liberamente; e si die’a sfregarsi le mani.

increscevole agg. • Increscioso, sgradevole [Z-La Domenica («È ridotto al verde», 13 ottobre 1867)]: cosa che se a quelli tornava di utilità  quelli era nullameno increcevole,

incumbe s.f. ● Incombe, fare una commissione, incaricare [F-9(115.IV)] ne incumbe il debito dire che,

indaco  Materia colorante ottenuta con foglie [Z-99(173)] ricco proprietario di terre coltivate a zucchero, a cacao, a indaco, e di miniere di pietre preziose.

indarno avv. ● Invano, inutilmente [Z-4(72.I)] Indarno il chiederanno, duchessina.

indettato verb. • Istruito. [Z-93(30)]  Gli hai tu indettato i nostri patti e condizioni?

indiare verb. • Innalzare a livello divino [Z-26(24.I)] un’antica magione rallegrata di sole e indiata nel sorriso di una madre o di una sposa. 

indico  agg. • Indiano  [Z-18(58.IV)] E la nebbia valicando la grande estensione di quell’indico mare,

indiscretezza s.f. ● Indiscrezione [Z-22(85)] mi tratteneva il pensiero di commettere una villana indiscretezza. 

indoratore s.m. • Chi indora, che fa prendere il colore dell’oro [Z-28(85.I)] e ch’era meglio si fosse posto appresso a qualche indoratore o paratore. 

indovarsi. verb. • Mettersi in un luogo [Z-26(367.I] Il dolore fisico più non trovava ad indovarsi in quella squisita finezza e magrezza di membra… 

indragare. verb. •  Diventare violento, furioso [Z-21(285)] che cominciava ad indragare con quel crescendo d’ira che gli accendeva a gradi a gradi il petto 

inducimento. s.m. • Esortazione [Z-51(58.IV)] che minori sieno gl’interni ed esterni inducimenti al vizio e al delitto:

indurare. verb. ● rendere insensibile [Z-12(96)] ciò detto come se avesse voluto indurargli il capo:

industrioso. agg. • Malvivente, furfante  [TM-La Domenica («Cronaca della Settimana. 19 Maggio 1867»)] e credutolo un industrioso di quelli che adottano il moderno sistema dei dono forzosi,

inesausta. agg. • Sempre fertile [Z-La Domenica («Gl’impiegati. 14 Aprile 1867»)] Un’altra inesausta sorgente di doglianze abbiamo ne’continui traslocamenti che sono la ruina delle famiglie.

inespertezza. s.f. ● Inesperienza, imperizia [AC-82(129 – Guida.116)] quantunque Susanna per la sua inespertezza al lavoro non potesse rendersi utile

inespliabile. s.f. ● Inespiabile, implacabile [Z-29(9.II)] salvare se a tempo ancora la figliuola da sì impensabile e inespliabile pania

inettezza. s.f. ● Inettitudine, incapacità [Z-La Domenica («Il mese di marzo e le stagioni in Napoli. 3 Marzo 1867»] Pertanto tutte queste inettezze sono sempre preferibili al canto di società. 

infagonato. agg. • Infaonato, livido e ne ro [P-26(444.I)] il pallore e l’agitazione di Cecatiello erano estremi. Il suo volto era infagonato. 

infarcire. verb. ● Riempire confusamente [Z-26(655.I)] una vecchia fantesca che le infarciva lo stomaco di sostanze dure, 

infeconda. agg. • Che non produce niente, sterile [Z-30(39.III)] Vivo coltivando un breve spazio di questa infeconda Masseria 

inferrigno. agg. • Pane nero [Z-46(90.III)] per due buffetti di pane leggiero e bianchissimo, e per gli altri pane inferrigno;

inferire. verb. • Desumere [Z-86(243 – Guida.209)] D’altra parte, s’ella avea taciuto il cognome, era da inferirne che non il volesse palesare, o che disgraziatamente non ne avesse uno.

infermiera camminante. s.f. ● Infermiera volontaria [GO-26(670.II)] novello mestiero ch’essa aveva abbracciato di infermiera camminante nell’ospedale degl’Incurabili. 

infeudare. verb. • Sottomettere, asservire [Z-30(8.I)] Miseranda condizione di queste buone e generose popolazioni infeudate a straniero dominatore! 

inficiare. verb. • Compromettere [Z-83(416)] erano andate scelleratamente a riversarle nelle orecchie, inficiando la condotta della signorina Sofia;

infingimento. s.m. • Doppiezza, ipocrisia [Z-24(73.V)] le lacrime ond’ella inondò la faccia della esinta donzella un abile infingimento per allontanare da sé i sospetti

infintanto. cong. ● Fintantochè [Z-60)] infintanto che, per una forzosa decenza, faceasela radere,

infinta. agg. • Simulata, falsa [Z-26(125.I)] Con lieto viso accolse la infinta femmina la proposta del marito, 

infintantochè. cong. ● Fintantochè [Z-89(101 – Guida.101)] non vivrò io infintantochè io non sappia l’esito dello scontro!

infistolarsi. verb. ● infistolirsi, infiammarsi, incangrenirsi,  [Z-23(86.II)] e come debba infistolarsi di tutto ciò che le circonda.

infistolita. agg. • Incancrenita [Z-93(67)] certo che non troverei due assassini come questo vaccaro e la sua infistolita mogliera. 

influsso. s.m. • Influenza, contagio [Z-29(19.I)] Quando il sangue bolle nelle vene per influsso di ventimila occhi che sono intenti a riguardare;

infocata. verb. ● Infuocata [Z-26(128.I)] Era una giornata di luglio caldissima infocata pregna di esalazioni e di vapori. 

infocolossi. ● Si infocolò [Z-6(44)] Il ragazzo infocolossi nel pianto

infondere. verb. • Ispirare, destare [Z-3(41.I)] i saldi principii di onore e di probità, infusigli da un’educazione compitissima e dall’esempio inalterato di tre generazioni d’uomini dalle virtù più austere.

informe agg. • Indefinito, vago [Z-26(310.I)] I re i preti i ricchi i potenti elevarono altre codici informi su quello predicato dal Cristo.

infoscare verb. • Oscurare [Z-86(6 – Guida.13)] Nell’ottobre si fa presto la sera; e l’aere cominciava ad infoscarsi,

infra prep. ● Fra [Z-1(7)] Quel purissimo amor filiale, il più dolce infra gli umani sentimenti,

infraciosato verb. ● Infranciosato, chi prende costumanze francesi [P(66.I)] come più civilmente veniva onorato e infraciosato il Giovanni… 

infranciosata agg. • Chi prende costumanze francesi[P-103(86)] e per recargli le notizie politiche più palpitanti di attualità come si dice con frase infranciosata.

infrascare verb. • Nascondere [Z-21(140)] le piccole mendiche non si perdessero d’occhio l’una coll’altra, acciocché nessuna di loro potesse infiascarla d’un tornese 

infronzire verb. • Nascondere Rabberciare, correggere alla meglio [GO-77 (153 – Guida. 142)] una civiltà rabberciata, raffazzonata, infronzita con mille rattoppi e impiastricciata di lucida e puzzolente vernice.

infusigli ● Aspersogli [F-3(41.I)] infusigli da un’educazione compitissima,

ingarabullare verb. • Ingarbugliare[P-62(194)] volendo ella darsi mostra di povertà, e ciò per ingarabullare l’occhio del pubblico e della Giustizia.

ingegnare. verb. ● Adoperare, studiare [Z-4(92.II)] ingegnavasi di rimenarlo ad un tenore di vita meno esposti a pericoli e rimorsi.

ingenere. s.m. • Prova generica ( [DO-19(12.IV)] Egli non può avere nelle mani nessunissima pruova giacchè l’ingenere tornò in casa vostra. 

ingenerossi. verb. • Si generò [TM-80(14)] donde ingenerossi in lei indi a qualche giorno così gagliarda febbre 

ingibettato. agg. • Agghindato (?) [TM-27(35.II)] e l’uno sarebbe riuscito un meschino leguleio della repubblica romana, e l’altro un azzimato e ingibellato moschettiere del re.

ingiulebbare. verb. ● Ingiuleppare, dare a bere [TM-26(772.I)] mentre ingiulebba le frasi con tutti gli aromi e l spezie più inebrianti. 

ingiuleppare. verb. • Sciroppare ( da giuleppo), impregnare[ TM-17(65.I)] Che quelle battute di mano che ingiuleppano la vostra vanità sono altrettanti schiaffi…

ingiuleppare. verb. • Dare a bere [TM-24(38.II)] Non me la darai a bere… Tu vuoi ingiulepparmi un’amara bevanda… Parla, non mi fare stare più nelle angosce di morte.

ingiungere. verb. ● Intimare [Z-27(97.I)] ingiunse alla figliuola di non affacciarsi alla finestruola checché sentisse,

ingolfare. verb. ● Impelagare, invischiare [Z-92(408 – Guida.359)] Perché s’ingolfava ne’limacciosi terreni della spiaggia de’Bagnoli? 

ingolfato. agg. ● Impelagato, invischiato, messo in situazione scomoda [Z-96(250 – Guida.210)] Erano entrambi così ingolfati a discorrere che non ho voluto commettere l’indiscretezza di disturbarli.

ingoffo. s.m. • Somma versata sotto banco [Z-81(88 – Guida.80)] Io credo che non ci riusciremo per meno di una cinquantina di piastre. Bisogna dare l’ingoffo a parecchie persone;

ingollare. verb. • Inghiottire [Z-83(81)] si sentiva lo stomaco abbastanza forte da ingollare quella pillola d’ipecacuana che si nomava Bettina.

ingraticolato. s.m. ● Graticolato, chiusura fatta con sbarre di metallo, riparo a fornma di graticola [Z e DO-29(40.II)] era un padiglione chiuso e coperto da ingraticolati, 

ingrecare. verb. • Adirarsi forte [P-44(64.I)] Affè mia ch’io non so che cosa le frulla il capo a quella piccina, che ha sempre una cera ingrecata e un muso più lungo di un giorno senza pane.

ingriffare. verb. • Agguantare [Z-101(57)] E, perocché i ricordi sono come le ruote di una macchina le quali si ingriffano le une con le altre,

ingrillare. verb. • Alzare il grilletto [AC-15(112.III)] Indi, tolta la pistola, ne ingrillò il cane;

ingrognata. verb. ● Entrata in cruccio [F-9(82.III)] Or vanne Angiolino dissegli ingrognata la femmina,

ingrommare. verb. • Incrostare [P-83(22)] ma, stante che la vajassa ha gli occhi ingrommati di caccole e però poco ci smiccia, non vede il cenno che ha fatto don Ciccillo;

in illo tempore.  • In quel tempo [Locuzione latina -15(66.VI)] Domenico lepri era in illo tempore un garzone di caffè alla strada Mannesi; 

inimico. s.m. ● Nemico [Z-3(112.I)] quanto un uomo detestar può il suo più mortale inimico

innalberare. verb. ● Inalberare, fare adirare qualcuno [Z-21(292)] e maggiormente s’innalberò di sdegno e si accese della brama di vendicare il fattogli oltraggio.

innanzitratto. avv. • Innanzitutto [Z-21(288)] Innanzi tratto, è d’uopo che noi richiamiamo alla loro memoria una circostanza…

innostrare verb. • Ornare, tingere di ostro (roseo) [Z-3(52.II)] Dall’altra parte dell’orizzonte la luna s’ innostrava sulla schiumosa orlatura di candida nube;

inoculare verb. • Introdurre [Il Palazzo di Cristallo (Dall’articolo  Modello di polizzino)] Tutti gli individui della mia famiglia non dovranno avere meno di 30 aani compiti ed essere stati inoculati regolarmente.

inogniddove avv. ● Dovunque [TM-3(118.I)] Inogniddove raccogliea nozioni peregrine, sperimenti nuovi, fatti rischiarativi di utili teorie;

inondare. verb. Bagnare di lacrime [(Z-28(15.II)] Poco mancò che per la paura non s’inondasse il povero pittore. 

inopia s.f. • Povertà assoluta [Z-5(209.I)] Ugo insomma dimandava all’arte di sforzarsi a vincere l’inopia de’mezzi e non la cedevolezza della materia:

inorpellare verb. • Mascherare, abbellire esteriormente [Z-107(novella Taddeo lo stoico 81.II)] nascondere la bassezza de’loro sentimenti, e inorpellare la sfrontatezza de’loro vizi.

inorpellato agg. • Falso [Z-55(91)] ha saputo distinguere il vero oro dal fango inorpellato,

inquirere verb. ● Inquisire, indagare [Z-26(746.I)] il Tribunale di Maestà creato per inquirire e giudicare i delitti di Stato 

in pectore ● Nel petto, segreto del cuore [Loc. Lat.-(140)] che serbavano ancora in pectore fedeltà al re spodestato,

inretire verb. ● Irretire, lusingare, sedurre [F-27(96.I)] Queste ed altri cotali cose disse quel malvagio per inretire la ingenua giovanetta,

insafardare verb. • Sporcare di materia unta [P-71(67)] ma questi boriosi farabutti insafardati di tutta la morchia del gran mondo vedrebbero spirare d’inedia la madre senza porgerle un cantuccio di pane.

insaldatrice s.f. •Insaldatora, striratrice [F-21(53)] Luigia era figlia di Maria Rosa l’insaldatrice. 

insaldare verb. • Dare l’amido [Z-83(7)] Ci hai da mettere un po’di fiore di farina nell’amido; e così la biancheria riesce ben insaldata.

insanire verb. • Impazzire [Z-85(227)] Le agitazioni politiche crescevano ogni giorno vie più nel reame di Napoli; e la polizia del Delcarretto insaniva.

insettigeno agg. • Luogo pieno di insetti [TM-93(85)] si avviò con quella roba verso quel covo insettigeno e nauseabondo a cui si dava il nome di cucina.

insevire. verb. • Diventare severo [P-21(103)] E la legge, serva del potente e del ricco, favorisce l’obbrobriosa l’avarizia del proprietario, e insevisce contro il povero…

insiememente. avv. ● Insieme [Z-30(88.III)]  La casa fu data alle fiamme insiememente a’mobili che vi erano ed agli arnesi della magia.

insigne. s.m. • Eccellente [Z-21(227)] Sarebbe una malintesa generosità il lasciare impunita questa insigne fellonia. 

insignorire. verb. • Padroneggiare [Z-4(52.II)18] Dal momento che questa idea infernale si era insignorita dell’animo di Daniele, i colori della salute disparvero dal suo volto.

insinattantochè. cong.  Insinattanto, fino, sino [Z-15(11.X)] insinattantochè se ne stesse libero e indipendente a curare i lavori de’suoi campi,

insino. avv. ● Anche, persino [Z-29-(58.III)] la ragione per cui in non mi sono ancora ammogliato insino a questa già provetta età mia. 

insipiente. agg. • Stolto, sciocco [Z-26(277.I)] Dissero alla insipiente: Ei bisogna porre tra i ceppi  le membricciuola del bambino 

insito. agg. • Ingenito, innato [Z-30(44.I)] è insito alle moltitudini il voler trovare una ragione qualunque a’mali d’ignota provenienza.

intabarrato. part. pass. ● Coperto con indumenti pesanti [Z-22(284)]  Ne discese un uomo ben intabarrato e col bavero che gli copriva interamente il volto; 

integumento. s.m. • Tessuto del corpo umano [Z-99(40)] il suo bel viso fu tutto coperto di un in tegumento crostaceo e coriaceo come in que’zoofiti che si dimandano Echinodermi.

intelatura. s.f. • Intelamento, ricoprire di tela [DO-28(105.I)] avea il suo letticciuolo nascosto da una specie  di bruna intelatura; 

intelligibile. agg. • Indecifrabile [Z-21(310)] e mormorava parole intelligibili con gesti animati come s’ella avesse parlato con qualcuno.

intentamente. avv. ● Con grande attenzione, intensamente  [DO-21(238)] intentamente e con gioia ineffabile la guatava negli occhi, 

intercalare. s.m. • Interporre [Z-86(192 – Guida.167)] pare che questa bella mia fosse un intercalare per abito contratto dalla proprietaria del caffè,

interceditrice. s.f. • Femminile di intercessore [Z-La Domenica («Cronaca Della Settimana. 18 Settembre 1867»)] offre nella Santissima Madre di Dio la più possente interceditrice di grazie;

interezza. s.f. • Integrità morale [Z-9(70.IV)] Sloggiati  alla via di S.Giovanni a Carbonara, dov’eglino non si aveano certamente acquistato un grido d’interezza,

interloquire. verb ● Intervenire in modo inopportuno [Z-91(173)] senz’avere minimamente interloquito nel dialogo tra sua sorella Antonina e il fidanzato Costantino.

interposto. s.m. • Posto in mezzo, frapposto [Z-28(92.II)] Si lasciò scappare di bocca  uno di quegl’interposti energici così comuni su i labbri de’napolitani. 

interrogolla.  verb. • La interrogò [TM-26(650.II)] interrogolla su i motivi che la ritenevano in Napoli. 

intertenersi verb ● Intrattenersi [Z-16(73)] dove il suo Biasiello solea intertenersi nelle ore del mattino;

intrapresa s.f. • Opera o attività che si intraprende [Z-La Domenica («Fatti d’Inghilterra. 9 Giugno1867»)] gli dimostra le difficoltà meteriali dell’intrapresa.

intrecciolla  verb ● La intrecciò [TM-28(28.I)] ed intrecciolla in sì vaga maniera che mai non era apparsa più bella la sua testa 

intrepidezza.  s.f. • Audacia, baldanza [Z-82(186 – Guida.165)]  Ne avrebbe egli sostenuta con coraggio ed intrepidezza la terribile apparizione?

intristire. verb. • Diventare triste, immalinconirsi [Z-29(82.I)] che l’ozio lo intristiva che egli non potea vedere ogni giorno,

intromettere. verb ● Fare ammettere alla presenza di qualcuno [Z-21(185)] e i due uomini e la donna s’intromisero in un lurido androne. 

intutto. s.m. • Completamente [TB-18(29.I)] Rimasti orfani d’ambo i genitori, e privi all’intutto di ogni mezzo di vita,

inumazione.  s.f. • Sepoltura [Z-25(148)]  era un recinto consacrato alla inumazione di cittadini appartenenti alle civili famiglie,

inusitate. agg. •  Che non rientra nell’uso comune [Z-21(27)] un picchio all’uscio nelle ore inusitate di notte tempo è sempre nunzio per loro di novella disgrazia. 

invaghito. agg. • Innamorato [Z-92(384 – Guida.338)] Non ti faccio una colpa di esserti invaghito di lei. 

invanita. agg. • Insuperbita [Z-92(26 – Guida.25 )] la perfetta distinzione della sua persona, di che sarebbesi invanita la più aristocratica damina;

inventrice. s.f. ● Che inventa [Z-4(49.II)] sì scaltritamente inventrice di arzigogoli e di false ragioni…

invereconda. agg. • Sfacciata [Z-24(90.I)] La giovanetta voleva ritirare la sua mano da quella molesta e invereconda ispezione;

inverecondia. s.f. • Sfacciataggine [Z-83(59)] raccogliersi la sottana della veste per via di un lacciolo per mostrare uno stinco ben tornito, sia proprio il non plus ultra dell’inverecondia.

invernata. s.f. ● Durata, periodo di un inverno [Z-La Domenica («Il caro del pane» 13 ottobre 1867)] l’invernata si avvicina piena di minacce il governo per ovviare fa prativare su larga scala l’incetta delle granaglie,

invero. avv. • In verità, davvero [Z-28(42.II)] è straordinario invero che quel giovine non abbia fatto sapere niente altro di lui. 

invescare. verb. • Sedurre [Z-92(359 – Guida.316)] a uno studente di terza liceale invescato dagli occhi procaci d’una sartina.

investita. agg. • Chi è stato oggetto di un investimento  [Z-21(141)] a usura da un vinaio li cinque ducati ch’erale costata la investita della Marcellina. 

inveterata. agg. • Ostinata, incallita [Z-22(152)] per inveterata esercitazione in questa specie di studi, 

inviluppare verb. ● Impelagare, confondere [Z-27(42.II)] spesso la lusinga dilettevole c’inviluppava nelle sue fallaci vaghezze;

inviluppo. s.m. • Intrico che avvolge [Z-26(779.I)] che sembrano volersi affrettare ad abbandonare il mortale inviluppo. 

invisa. agg. • Malvista, antipatica [Z-29(99.III)] il licenziamento delle milizie spagnuole ch’erano invise agli abitanti. 

invitto. s.m. • Indomito, invincibile [Z-87(44)] Lo invitto esercito italiano, coadiuvato dalle guardie nazionali mobilizzate e locali,

involgimento s.m. • Giro di parole [Z-28(56.I)] Figuratevi che quando ei si trovava nella stretta, non ci erano involgimenti o gherminelle ch’ei non tentasse per far denari;

inzavardato agg. • Insudiciato [P-21(174)] Così parlando la giovanetta studiava il passo su quel suolo sfossato e inzavardato.

inzibettato agg. • Che ha odor di zibetto, sostanza che sa di muschio [P-80(296)] Andava sempre profumato, inzibettato, stecchito; spruzzava nel suo moccichino l’acqua di colonia e il pacciulì.

inzorarsi verb. ● ‘Nzorarse, ammogliarsi [N2-13(85)] ad ogni scapolo inzorarsi per propagar la razza.

iosa. avv. •  In grande quantità [Z-21(53)] (Z): e quelle ne hanno a iosa che sono della specie della bionda

iota s.f. ● Una cosa da nulla, un niente [Z-3(152(I)] e voi non direte una iota sul mio rifiuto di battermi

ipecacuana s.f. • Radice ad azione emetica [Z-83(81)] pur tuttavia non si sentiva lo stomaco abbastanza forte da ingollare quella pillola d’ipecacuana che si nomava Bettina.

iperbato s.m. • Trasposizione, adattamento di parola [Z-21(275)] ma noi non faremmo nessun iperbato col dire che il giovinetto mozzo, era da vero un serafino.

iperbole. s.f. ● Esagerazione, eccesso [Z-29(12.I)] così che queste iperboli gli hanno screditati per modo che non vi è nissun lettore 

iperbolica agg. ● Esagerata [Z-7(19] Per quanto avventata, speciosa od iperbolica possa sembrarvi una tale opinione.

iperbolista agg. ● Iperbolico, esagerato [Z-22(155)]  Bisogna essere più sincero e meno iperbolista e dire semplicemente: 

ipocondria. s.f. ● Profonda malinconia [Z-92(406 – Guida.358)] Maria si ammalò per una di quelle ipocondrie che nelle giovani estremamente sensibili 

ipocondriasi s.f. • Ipocondria, profonda malinconia [Z-92(199 – Guida.174)] reputando queella ipocondriasi effetto di fisico malore com’ella stessa avea dato ad intendere.

ipogeo s.m. • Tomba sotterranea [Z-81(62 – Guida.59)] l’avresti detto piuttosto un ipogeo di sepoltura o, per meglio dire, una sepoltura di congregazione.

ipostasi s.f. • Persona della Trinità [Z-53(33.I)] Insomma, per quanto noi ci sforzassimo di dipingere la maravigliosa bellezza di questa diabolica ipostàsi,

ipotiposi s.f. • Realtà [P-53(33.I)] Ci sono alcune ipotipòsi che riescono impossibili alla penna ed al pennello.

ippocratica agg. • Sembianze da moribondo [P-83(294)] Un pallore mortale ricopre le sue ippocratiche sembianze.

ippofilo s.m. • Chi ama molto i cavalli [Z-26(662.I)] Il marito guida una coppia di cavalli che formano l’invidia degli ippofili di Chiaia: 

ippologico s.m. • Studioso di cavalli [Z-23(93.I)] è mestieri che si facciano ancora seri e gravissimi studi ippologici, che sono forse di maggiore importanza.

ipsilon agg. • Persona storta, sciancata [TM-26(179.I)] D’altra parte Cecatiello era suo padre e Cecatiello era un ipsilon. 

ircano s.f. • Dell’antica regione dell’Ircania [Z-86(109 – Guida.97)] neanche le fiere ircane avrieno potuto resistere a quel pianto, a quei singhiozzi.

ircocervo s.m. • Mostro favoloso [Z-35(128.II)] Ma la natura, che avea rinnegato quel suo mostruoso ircocervo, gli avea rifiutato financo l’ombra d’un pelo su la svergognata faccia.

ire verb ● Andare, camminare [DO-25(182)] e sovente smucciava il piede al signorotto mentre il fossaiuolo iva spedito innanzi. 

iride. s.f. • Arcobaleno [Z-80(318)] L’abatino che avea mutato in viso tutti i colori dell’iride

irrecusabile. agg. •  Irrefutabile, indiscutibile [Z-92(262 – Guida.229 )] era tale argomento irrecusabile da non lasciare dubbiazza alcuna nell’animo di lui; 

irrefragabile agg. • Inoppugnabile [Z-92(90 – Guida.81)] Ho argomenti irrefragabili per ritenere come scellerata millanteria la pretesa vittoria ch’egli asserisce di avere ottenuta su l’onesta ragazza.

irne verb ● Andarne [TM-10(74.I)] ond’io non ho potuto irne alla Cecca per riscuotere il pèrezzo del canape filato.

irsene ● Andarsene [TM-6(193)] e vedrai questo matrimonio irsene in fumo e svanire,

iscalcare verb ● Scalcare, trinciare le carni [Z-96(Guida.260)] dovrò portare meco qualche trinciante per iscalcare i due piccioni?

iscapitare. verb. ● Scapitare, perdere [Z-28(77.II)] le quali non iscapitarono neppure un secolo dopo al paragone di quelle dello immortale Raffaello. 

isceda s.f. • Sceda, burla, scherzo  [Z-21(251)] Neppure per isceda vi permetto di parlare di mia moglie, della mia Lina. 

iscevra agg. •  Scevra, separata, lontana  [Z-92(63 – Guida.69)] Fior d’arancio mette una esclamazione di sorpresa non iscevra di piacere.

ischiccherare verb ● Schiccherare [Z-26(524.II)] in occasione della quale il nostro barone non schiccherasse qualche componimento poetico 

ischiuma s.f. • Schiuma di mare, minerale, semiolite [Z-26(314.II)] un piccolo mondo di lilli putti in avorio ed in ischiume, 

iscompartire. verb. ● Scompartire, dividere  [Z-1(35)] per scompartirli, furono severi ordini trasmessi ad ogni comune,

iscoltura.  s.f. Scoltura, scultura  [Z – La Domenica (14 luglio 1867)] Un magistrato, osservando un giorno su un cammino la Giustizia e la Pace in iscoltura, che si abbracciavano, disse ad un amico che gli era vicino: 

iscuria. s.f. Difficoltà di eliminare l’urina [Z-La Domenica («Il Teatro dei Fiorentini. 26 Maggio 1867»)] con immenso rammarico del pubblico napolitano a lasciare le scene per ostinato male d’iscurie.

isgangherare. verb. ● Sgangherare, sganasciarsi per il ridere[Z-26(112.I)] Che buffa è cotesta? Gridò il comemssario ch’era proprio per sgangherare. 

ismaelita. agg. •  Arabo [Z-29(13.I)] sospesi in su le scolorate sembianze del giovinetto ismaelita, 

ismagare. verb. ● Smagare, turbare, distogliere [Z-26(394.I)] ma Dio ne ha misurato il peso in modo da non ismagare quelli che tenteranno di sollevarlo. 

ispezialità. s.f. • Spezialità, variante arcaica di specialità  [DO-19(6.III)] Sembrava in ispezialità che la cagnolina non prestasse fede a’suoi sensi 

ispiattellare. verb. ● Spiattellare, dire apertamente [Z-28(100.II)] dovette porsi il bavaglio in bocca per non ispiattellare ogni cosa. 

ispiritare. verb. ● Spiritare, fuori di se, ossesso [Z-30(87.I)] Non era già una pastocchia che si raccontava dalle vecchie a’bimbi per ispiri tarli di paura acciocchè si rimanessero cheti

ispoglia. s.m. • Spoglia, abito, vestito [Z-26(675.II)] divenuta consorte di quell’angelo in ispoglie di uomo, 

issione. s.m. • Personaggio della mitologia greca [Dea-48(14.II)] L’Italia era pel governo di Napoli meno che un’espressione geografica; era un mito, un’ironia la nube d’issione,

issofatto. avv. • Ipso facto, subito [Z-39(31.I)] Avviene in certe nature sensitive e dilicate che il dolore non le spezza issofatto, ma lentamente le consuma…

issopo. s.m. • Pianta aromatica [Z-38(12.I)] Salve, o terra dal cielo di zaffiro, dal cedro protervo e dall’umile issopo, dalla palma che rivolg a Dio i suoi rami,

istante. s.m. • Chi rivolge domanda o istanza [Z-91(207)] dovesse naturalmente far nascere una divisione tra la istante figliuola del marchese e la famiglia di colui

istantemente. avv. • Instantemente, con insistenza [DO-26(389.II)] né più rispettate né più temute queste domandano istantemente delle forze attive 

istravizzo. s.m. • Stravizzo, banchetto, bagordo [Z-21(325)] Egli si circondò di compagni degni di lui co’quali passava le notti in istravizzi e bagordi. 

istrione. agg. • Commediante, attore di poco conto [Z-26(483.II)] Gl’istrioni i cerretani i funamboli i vinaiuoli i bettolieri i musici e le meretrici fanno buoni affari, 

istrioneria. s.f. • Comportamento o azione da istrione, esibizionismo [DO-15(57.X)] quella folla che circuiva gli abili attori di questa incredibile istrioneria.

istrutto. agg. • Informato [Z-21(148)] Sembra pertanto che il popolo istrutto di questo orribile sacrilegio 

italianata. agg. • Diventata italiana [Z-45(92.I] Una volta, non molto lungi da’nostri tempi,la povera Italia era infrancesata; oggidì è intedescata. Quando sarà italianata?

iterandosi. ● ripetendosi, replicandosi [Z-6(29)]incalzandosi e iterandosi con forza sempre crescente

iugero. s.m. • Antica misura terriera [Z-82(79– Guida.74)] del mio vigneto che si trova di là dello streppato, su un’area di tre iugeri di terreno, che, in verità, non si potea dire molto parco.

ivasene. verb ● Se ne andava ([TM-21(194)] ma ivasene a ritrovare il babbo in una bettola di campagna, 

ivasi. verb ● Si andava [TM-30(49.I)] Ed ora con una pezzuola ivasi asciugando le fronte sgocciolante sudori. 

ivi. avv. • In quel luogo [Z-30(57.I)]  Perché era universale credenza che ivi i demonii tenessero i loro conciliaboli 

janarella. agg. • Strega, megera[N2-21(140)] Quelle tristi aveano dato alla Marcellina  il soprannome di janarella 

josa. avv. ● Iosa, in grande quantità [Z-66(8- Guida.11)] A te non mancherebbero a josa gli amanti

jus. s.f. ● Legge [W-66(4 – Guida.8)] una specie di jus che i feudatari esercitavano su le ragazze

kepì.  s.m. • Copricapo militare con visiera [Z-La Domenica («Povero artigliere»)] dove a levarsi in parte  la molestia del caldo si tolse i guanti e il kepì,

kiosco. s.m. ● Piccolo padiglione a cupola da giardino [Z-1(155)] Un kiosco di greca costruzione e voluttuosamente fornito di ogni comodità coronava quella casa.

kirschwasser. s.m. • Acquavite di marasche [Z-52(23.II)] Portavamo nella nostra carrozza del buon Kirschwasser.

krumiro. s.m. ● Rozzo guardiano [TM-81(14 – Guida.16)] una specie di krumiro o di ottantotto con una selva di capelli osceni,