FATTI DIVERSI

Abbiamo da Modena.

   Alle ore 3½ pomeridiane di venerdì grida strazianti ne uscivano da una casa di tolleranza in via Catecumen, richiamavano l’attenzione dei passanti. Si trattava di un fatto orribile.

   Certo Tarditi Giuseppe, soldato nel deposito stalloni di Reggio Emilia, trovandosi senza permesso in questa città, veniva verso l’ora su indicata arrestato dai Reali Carabinieri. Esso chiedeva loro di recarsi nell’accennata casa ove avea dimorato 2 giorni, onde riprendersi alcuni effetti che a suo dire vi aveva lasciati. Disgraziatamente, il suo desiderio veniva secondato. Condotto sul luogo, i carabinieri lo attendevano alla porta esterna, quando grida di orrore si alzarono dall’interno della casa.

   Il Tarditi era salito al secondo piano, e di là dopo pochi istanti si era gittato da una finestra nel sottoposto cortile in uno a certa Adani Beatrice di Pavullo, ragazza di 19 anni colla quale egli avea trascorso le due giornate antecedenti. La donna è rimasta morta sul colpo. Il soldato respira ancora.

   Pare che il funesto divisamento di quei due disgraziati sia esclusivamente provenuto dalla passione amorosa che li legava.

                                                                 (SECOLO)

.

         FRANCESCO MASTRIANI

                                                                                          

.