I MIEI EPIGRAMMI

 

Amena lettura

Leggete questi epigrammi

Amici miei non son drammi

Rosario ve lo assicura

Sarà un’amena lettura

Una sola cosa mi aspetto

Che vi diano tanto diletto

 

Quelli del ‘68

Volevano metterci sotto

Noi ragazzi del sessantotto

L’abbiam creduto fino in fondo

Volevam cambiare il mondo

.

Si inizia con…

Si comincia con la rivoluzione

Per cambiar un mondo in apprensione

Dopo dei momenti di riflessione

Cambiam canal alla televisione

Da una frase di Leo Longanesi letta sul libro di Luciano De Crescenzo  Ordine e disordine

 

Stanno bene loro

Ricorda: con la dittatura

La vita diventa dura

Ma non pensar che democrazia

Sia sinonimo di anarchia

In entrambe le situazioni

A star bene sono i caporioni

.

Più dell’oro

Mai letto tanti epigrammi

Col versetto tanto t’infiammi

Se poi son quelli di d’Alloro

Valgono assai più dell’oro

.

Sulle dure foglie

Meglio dormire senza paure

S’un giaciglio di foglie dure

Che inquieto e negletto

Su un morbido aureo letto

.

Meglio ascoltare

Il buon filosofo Zenone

Ragionava proprio benone

Non c’è dubbio che la natura

Ci ha creato con molta cura

Due le orecchie per l’ascolto:

Deve esserne proprio molto

E di bocca una soltanto

Per non parlare più di tanto!

.

Sfogliando le margherite

Le margherite c’ho interrogato

Mi hanno risposto che lei mi ama

Era un sogno eppur m’ha baciato

Vorrei tanto saper come si chiama

.

.La prudenza

Nell’aver a che fare con la gente

Ho imparato ad essere prudente

Ve l’assicuro per mia esperienza

Che non è un principio della scienza

.

Quel caro Diogene

Il parlare tanto con una statua

Oltre che essere impresa ardua

Può apparir davvero molto strano

Ma lui s’allena a chieder invano

.

Animale da tana

Più mi faccio rudere vecchio

Più a uscir non m’apparecchio

Diventar è cosa umana

Un bell’animal da tana

Da un pensiero di Luciano De Crescenzo

.

Consiglio allo sposo

Caro sincero amico

Ma sai cosa ti dico?

Ora che sei sposato

Sei proprio carcerato

Lo penso con coscienza

Meglio la convivenza

 

Attenti a loro

Stai attento che non ti scova

Un bel testimone di Geova

Non è molto pericoloso

Ma è assai permaloso

E della loro religione

Non perdono mai occasione

Dir tra tante è la perfetta

Alle altre non date retta

.

Pittore dilettante

Aimè com’è dura

L’arte della pittura

I suoi quadri non dan sollazzo

È un pittore da strapazzo

.

Dalle fondamenta

Dio ha sbagliato proprio tutto

Creare un mondo così brutto

E sarà una cosa lenta

Rifarlo dalle fondamenta

.

Pensiero epicureo

Questo pensava Epicuro

E ne era più che sicuro

Meglio contar sull’amicizia

Che sperare nella giustizia

.

Poca tivù

In questa casa attenzione

Guardiam poca televisione

Giacché in qualsiasi orario

Preferiam ascoltare la radio

.

Due motivi

Per due motivi ci han messo al mondo

Uno è per farci divertire

E dobbiamo sfruttare ogni secondo

Verrà poi il tempo per soffrire

 Alla fine toccheremo il fondo

E ben poco avremo poi da dire

Da un pensiero di Luciano De Crescenzo

.

Opera di Omero

(Anagramma)

E dopo l’assedio di Troja

Per Ulisse non ci fu noja

E all’alba con l’alta marea

Incominciò la sua odissea

 

O sole…

O sole risplendente

Cosa saresti mai tu

In un cielo piacente

Se non ci foss’io quaggiù

Da un pensiero di Nietsche

 

Meglio carabiniere

Papà sbagliò proprio mestiere

Volle fare il cameriere

Si perdeva in un bicchiere

Decise per il panettiere

 Ma era troppo mattiniere

Non c’eran neppure le corriere

Ne cercò uno senza pensieri

Da esserne alquanto fieri

Si arruolò nei carabinieri!

.

Per fortuna…

Se nella nostra vita

Proviam solo dolore

Stà frase va scandita

Per fortuna si muore!

Da un pensiero di Luciano De Crescenzo

 

Zita cutignosa

(Fanciulla ritrosa)

Neh! spruceta che ssì

Te trase int’a cervella

Vuoj o nun vuoj capì

Che a parola cchiù bella

E cchhiù azzeccosa è o sì?

E ttù sì pproprio chella

Ca stasera mo ppò ddì

Si nun fai a santarella

Rinto o juorno e san Valentin

Tu me vaje m’capa cchiù do vin

I primi cinque versi sono di Francesco Mastriani

.

Tra il dire e il pensare…

Favella fu all’uomo data

Per nascondere il pensiero

Talleyrand così l’ha pensata

Ed io con lui concordo fiero

Ciò che alla fine diciamo

Non è poi quello che pensiamo

.

Berlusconi in azione

E’ fuor dubbio che Berlusconi

Con gli italiani pecoroni

E le sue televisioni

Mai perderà le elezioni

Di far promesse mai si stanca

La faccia tosta non gli manca

Riesce sempre a farla franca

E triplica il conto in banca

.

I soldi servono

I soldi servono nella vita

Che di piaceri viene condita

Spenderli prima che si soccomba

Che non si portano nella tomba

.

Una speculazione

Bisogna fare attenzione

È soltanto speculazione

Sfruttano solo la passione

Che s’ha pel gioco del pallone

 

Maradona (Anagramma)

Era un gran campione quell’argentino

Con quel tocco di palla divino

Ma la droga per lui divenne importante

È da campione è diventato un ignorante

 

Il dolore eterno

Siamo nati sol per soffrire

Se talvolta c’è dato gioire

Trattasi o cari signori

L’intervallo tra due dolori

 Da un pensiero di Giacomo Leopardi

.

Senza parlare

Parlar senza pensare

Nei tuoi momenti d’ira

E come lo sparare

Senza prender la mira

.

Il fumare

E’ difficile smettere di fumare

Molto più facile mai cominciare

 

La vita è bella

Nel suo amor per l’astronomia

Tra la realtà e la fantasia

Pensa che qualcosa pur ci sia

Che non sia solo biologia

Giggino allor si scervella

Mentre osserva una stella

Sente che la vita è bella

Anche se c’è solo quella

.

Se lotti

Se lotti puoi anche perdere

Nella vita può succedere

Ma di sicuro non c’è verso

Che se non lotti hai già perso

 Da un pensiero di Che Guevara

.

I parenti

Ho più di un amico

E io li benedico

Ma ho pure dei parenti

Peggio d’un mal di denti

.

In bicicletta

Andare su in bicicletta

È una cosa che mi alletta

Ma non bisogna aver fretta

Se si vuol scalar una vetta

Invece se siam in discesa

Più di tanto non ci pesa

Con comoda va essa presa

In fondo… non è un’impresa

 

Lo sciopero

Non è obbligatorio scioperare

Ognuno fa come meglio gli pare

Mi sembra una cosa naturale

E in democrazia questo vale

A farlo però non siamo in tanti

Ma i benefici a tutti quanti

E questo non è tanto normale

E tutto ciò mi fa star tanto male

.

Maquillage

Gli regalai del trucco

Ma rimase di stucco

Di truccar non si cura

È bella di natura

.

L’arte del poetare

E cosa vuoi che sia

Scrivere una poesia

Certo ci vuol fantasia

Deve sembrar melodia

Quello che poi si scrive

Per i posteri vive

E allor ti conviene

Di verseggiare bene

 

Se mangi le mele

Se mangi una mela al giorno

Tu ti togli il medico di torno

E magari rinunci al contorno

Se sono due le mele tra i denti

Voi sarete felici e contenti

V’abbandonano anche i parenti

Se sono tre felice è la sorte

Senz’aspettare la signora morte

Va via tosto anche il consorte

.

L’ospite

E per un orientale

L’ospite è ben sacro

Non vai trattato male

E per te mi consacro

Da noi è com’il pesce

Con lui gioia non spruzza

E dirlo mi rincresce

Dopo tre giorni puzza

.

La convivenza

Oggi la convivenza

Così pensa la gente

Senza impertinenza

È più conveniente

.

Regola infallibile

È regola infallibile

Che ha dell’incredibile

Se il leccaculi tu farai

Un buon capo diventerai

.

La parola

L’uomo supera l’animale

Con la parola più banale

Invece supera se stesso

Con il silenzio molto spesso

.

Il poi

Un istante supremo

Il dolor d’un attimo

Cosa c’è poi vedremo

Almen non più spasimo

 

Colpa comunista

Colpa di gente comunista

Ed è caduto il Governo

Un’azione che rattrista

E la destra ha preso un terno!

.

Nessuno può dare

Nessuno può dare

Quello che non ha

Ma ognun può fare

Un po’di carità

Ideato da un salmo biblico

.

Non mollo

Può capitare che barcollo

Nei momenti più difficili

Ma di sicuro io non mollo

Torneranno giorni docili

. 

Impara l’arte

Impara bene l’arte

Adorato figlio

E mettila da parte

Sol questo ti consiglio

.

Il cammino dell’età

L’infanzia è gentil profumo

Si dilegua come il fumo

Fanciullezza è innocenza

Il candor la sua essenza

La gioventù è poi bellezza

E quando va via che tristezza

Ideato da un pensiero di Francesco Mastriani

Tratto dal libro Giosuè il marinaio di Pozzuoli

.

Meglio l’anima

Egli ama l’anima

Di lei immortale

Nessuno lo biasima

Lui non ragiona male

L’involucro umano

Che l’anima racchiude

Logorandosi piano

Alla fin lo delude

Da un pensiero di F. Mastriani tratto da Giosuè il marinaio di Pozzuoli

.

Cattiva maestra

C’era una volta un aquilone

E gli correva dietro un bambino

Quale unica migliore occasione

Giocar coi genitori vicino

Oggi è cambiata la condizione

La sera ma anche al mattino

Cattiva maestra la televisione

Lo fan diventare solo cretino

.

Un genio

Che sei un genio lo capisco

Dal fatto che gli idioti

E di ciò non mi stupisco

Ne son tanti, tosto li noti

Ti sbarrano sempre la strada

È una cosa che l’aggrada

Da un pensiero di Adolfo Mastriani

Tratto dal suo libro Il pianto di quel paradiso

 

Le parole d’amore

Le parole d’amore

Sempre bene ammesse

Pur s’escono dal cuore

Sono sempre le stesse

L’affermo con candore

Chissà come nascono

Ma prendono sapore

Dai labbri cui escono

Da una frase di Guy de Maupassant

.

Per Elio

Al mio caro cugino

Dedico sti sonetti

Ha gusto sopraffino

Troverà dei difetti

.

Una nuova esistenza

La vecchiaia quant’è forgiata

Nella immane sofferenza

È l’inizio e sia lodata

Di una nuova esistenza

Da un pensiero di Adolfo Mastriani

.

L’amore e la morte

Ci son sole due cose

Forti in questo mondo

Sublimi e preziose

E per lor mi confondo

Il primo è l’amore

Se lo trovi è sorte

E con gioia nel cuore

Attendo poi la morte

Da un pensiero di Giacomo Leopardi

.

Sonetto per una scultura

Varcammo dei cancelli

Quarant’anni orsono

Diventammo dei fratelli

Alcuni or non ci sono

Torniamo in età matura

Con lo spirito d’allora

Donando una scultura

Per sognare ancora

.

Una dieta

La dieta del pezzente

Mi dice: a pranzo poco

E poi a cena niente

E dimagrir è un gioco

Da un pensiero di Corrado Onorato

 

Il mio nocino

Libate sto Nocino

gustoso e leggero

ne basta un goccino

lo giuro, son sincero!

Pochi gl’ingredienti

naturali e genuini

per far poi contenti

palati sopraffini!

.

Gioie e noie

Al povero le gioie

e quasi per ripicca

sol mortale noie

alla gente ricca

Dal romanzo I Vermi di F.Mastriani

.

Parto…prematuro

Figlio troppo presto nato

matrimonio tardi celebrato

Dal romanzo I Vermi di F.Mastriani

.

La verginità

È come una briciola di pane

lo diceva con senno mamma mia

se sei bella a lungo non rimane

vien un uccello e te la porta via

Dal libro di Gino & Michele

Anche le formiche nel loro piccolo s’incazzano

 

Un anno in più

Hai un anno in più, pazienza!

È solo un aumento di esperienza.

.

Gli esempi

Una persona può cedere alle parole

E ben poco ci vuole

Ma crederà sempre agli esempi

Indelebilmente nel tempo

Da un pensiero di Gianroberto Casaleggio

.

Il miglior amico

All’infuori del cane

Non scrivo cose strane

Dell’uomo il miglior amico

                    Badate bene a ciò che dico                    

A pensarlo non mi sfibro

È semplicemente un libro

Da un pensiero di Groucho Marx     

.

Natura natura  

O natura natura

Come sei dolce e pura

Sol con te lontano dalle brutture

separato dalle angosce dalle paure

con la spema che il futuro    

                               sia un domani meno duro                            

   

Le stazioni

Non mi allietano le stazioni

Che si parte o che si arrivi

Sanno sempre di separazioni

Da cari e luoghi nativi

Da un pensiero di Enzo Biagi dal libro Disonora il padre

.

Come un fiume

Il fiume non può cambiare corso

Gli argini lo conducono verso il mare

Così succede con un logico discorso

Ti trascina al buon pensare

.

Allevate i figli 

Allevate i vostri figli poveretti

                       Sotto l’ala de genitori son più potetti               

      

Col denaro

Col denaro si compra anche il piacere

Basta  solo aver costanza e pazienza

Ma non può giammai accadere

Che con l’oro non si compra la coscienza

Da un pensiero di Enzo Biagi dal libro Disonora il padre

 

Con  il solo sentimento

Con il solo sentimento

Stai bene attento

Con solerzia o con pigrizia

Non si serve la giustizia

.

La tua strada

Dove i tuoi occhi brillano

E il tuo cuor batte non invano

È lì la tua strada

Anche se non sparsa di rugiada

.

Digestivo al basilico

È un consiglio che do ad un amico

Se mi gusto questo buon digestivo

Dal gradevole sapore di basilico

Ad ogni dispiacer sopravvivo

.

Cose di natura

Dio nell’umana natura

Al povero ha dato le gioie

E poi con una certa premura

Al ricco ha dato le noie

Da un pensiero di Francesco Mastriani da I vermi

 

Gnomica

Oramai da tanto tempo mi ripeto

Meglio avere rimpianti che rimorsi

L’esistenza va vissuta senza impeto

Va centellinata a brevi sorsi

Dalla poesia Gnomica di Daria Menicanti

. 

Il S. Valentino di Sofia

Per il giorno di San Valentino

Con molta bravura e fantasia

Per noi tutti un bel disegnino

Ha creato la nostra cara Sofia

Forse non ce l’ha l’innamorato

Questo ha immaginato il nonno

E a lei nessuno avrebbe pensato

In questo particolare giorno

14 febbraio 2012

.

                  ROSARIO MASTRIANI