PANTA REI (tutto scorre)

 

   «Guardo una foto di quando avevo sedici anni e ne guardo una d’oggi. Dio, come sono cambiato! Poi mi chiedo: ma quando è successo? Di notte? Mentre dormivo? E come mai il mattino dopo non me ne sono accorto? La verità è che cambiamo al rallentatore, attimo dopo attimo, cellula dopo cellula, come le lancette dell’orologio che si muovono anche se nessuno le vede muoversi. Panta rei diceva Eraclito, tutto scorre, e con tutto il anche la vita passa senza che si possa far nulla per trattenerla».

.

    Così scrisse Luciano De Crescenzo nel primo capitolo del suo libro Panta rei (tutto scorre)[1], ed io non posso fare altro che, guardando le foto che mi ritraggono con un aumento della mia età, di dieci anni alla volta, confermare il suo pensiero: il tempo, la vita, scorre veloce senza che ce ne rendiamo conto…

.

[1] Luciano De Crescenzo. Panta Rei (tutto scorre), Milano, Mondadori, 1994.

.

.

                                               

                                               Rosario in braccio a papà Eugenio

.

.

  ..                                   

             Rosario a dieci anni                              Sergente in Marina Militare a vent’anni

 

                            

    A Castelvolturno trentenne sposato                        La vita comincia a quarant’anni

                     

Un cinquantenne con alle spalle la sua Napoli         60 anni!, grigia la foto… come i suoi capelli!