.

 

A mio padre

 

             Quattro ancora di più dei sessant’anni

Gravano sul tuo core, afflitto e stanco:

Tra pene, angoscie, fra tormenti e affanni,

Ch’han fatto il capo tuo fin troppo bianco!

 

                      Ma l’animo tuo grande non s’arrende

Alla sventura, ed ai crudi perigli,

E d’amoroso poco più s’accende

Per noi raminghi e sventurati figli,

 

                           Ch’orbi di mamma, essi non hanno in vita

Che la carezza tua sincera e pia,

Che li conforta, e lor fa l’alma ardita

Contro la sorte derelitta e ria!.

 

                    Io quando ti rimiro, in su la squilla,

tornare a casa, ed affannoso e pio,

Sento sciogliermi in pianto la pupilla,

E volgo in ciel questa mia prece a Dio:

 

              Oh buon Gesù, se hai Tu stabilito

C’ogni mortale sia parato al duolo:

Scaglia su me questo supremo rito,..

Preserva lui,.. e fa soffrir mè solo!..

 

aprile 1912